giovedì 25 agosto 2011

Tè caldo per rinfrescarsi?

 


 


In una giornata calda che cosa c'è di meglio di una bella bibita ghiacciata?  Il sollievo che viene dal liquido gelido è però di breve durata: oltre ad esporci al rischio di congestioni e mal di stomaco, le bevande fredde provocano l'effetto esattamente opposto perché riscaldano ulteriormente il corpo.  La soluzione ottimale, invece, ben nota alle popolazioni che vivono nelle regioni desertiche, è un bicchiere di tè caldo.  


te-verde-dimagrire.jpg


 


 


"Per essere assimilato dall'organismo, il liquido deve avere la stessa temperatura del corpo; per raggiungere ciò viene prodotto ulteriore calore'' spiega Barbara Telser, consulente nutrizionista del Centro Tutela Consumatori Utenti di Bolzano. Anche se sembra un paradosso, una bevanda calda come il tè possiede un notevole effetto refrigerante. ''Il motivo è che i vasi sanguinei si dilatano e si suda lievemente. Ciò comporta un rinfrescamento del corpo''.
 

 

 

 

 

Le temperature molto alte mettono a dura prova l'organismo. I sintomi sono ad esempio fiacchezza e vertigini. A causa della forte sudorazione, il corpo perde più liquidi e sali minerali. Per compensare è buona norma bere quotidianamente almeno due litri di liquidi. Oltre al tè caldo sono adatti per dissetarsi anche succhi, se diluiti nel rapporto 1 a 3 (una parte di succo e 3 parti di acqua). Ulteriore fonte di liquidi possono essere anche frutta e verdura ad alto contenuto di acqua, come ad esempio meloni, pesche, cetrioli e zucchine.

 

 

fonte: tgcom

 

Nessun commento:

Posta un commento

Subscribe

Top Blogs di ricette

Flickr

food bloggermania